Stampa questo articolo Invia suggerimento   Twitter
 
Stampa questo articolo Invia suggerimento   Twitter
Gallery: Prova Abarth 500

Prova: Abarth 500

Abarth 500

06.08.2009

Abarth ha rielaborato la 500 conseguendo un risultato eccezionale. Un telaio agile e perfetto, un motore spettacolare e modifiche aerodinamiche per una delle carrozzerie più corte del mercato...

Esistono varie versioni della Fiat 500 e nessuno potrà mai mettere in discussione le sue molteplici forme di personalizzazione. Tuttavia, la maggior parte delle preparazioni riguardano sempre aspetti estetici, tralasciando il potenziale tecnico che si può ricavare da un delle nostre migliori miniature. L’Abarth 500, superata solo dalla versione Assetto Corse e da quella Essesse, si rivela una piccola auto da divertimento al prezzo di una buona compatta. Sebbene Abarth non disponga ancora di una rete estesa di concessionari, i clienti possono già richiederla, a partire da 18.500 €.

Gallery: Prova Abarth 500Messa a punto

Tralasciando per il momento il fatto che non è un’auto comoda (intesa come auto adatta per viaggi a lunga distanza e di facile accesso), l’Abarth 500 potrebbe rientrare nella stessa definizione di una Mini: è un’auto sulla quale l’unica persona che realmente si diverte è il conducente.

Le ragioni per le quali è considerata un’auto particolarmente agile riguardano la carrozzeria e le sospensioni (che la tengono più vicina al suolo), i dischi freno di maggiori dimensioni e la possibilità di montare cerchi da 17” (come optional). Le pinze freno di colore rosso sono di serie.

Gallery: Prova Abarth 500Ogni dettaglio è stato studiato per migliorare le prestazioni: il piccolo alettone posteriore si contrappone alle forze ascendenti, mentre le prese d’aria frontali alleggeriscono il lavoro dei due intercooler al fine di ridurre il calore dell’aria che arriva alle valvole di aspirazione, incrementandone la qualità e l’efficienza.  

Cuore di scorpione

Gallery: Prova Abarth 500Tutti gli elementi sopra descritti contribuiscono a migliorare le prestazioni della 500 Abarth, tuttavia nulla avrebbe lo stesso effetto senza il suo propulsore. Si tratta di un motore benzina 1.4 16 valvole, turbo alimentato e denominato “Fire”. La relativa scheda tecnica assicura la massima erogazione di potenza a 5.500 rpm e una coppia motrice (206 Nm) che lo rende agile a partire dai 3.000 rpm e, se attivata la modalità Sport, la pressione del turbo aumenta attraverso la centralina del motore. In questo modo, per raggiungere i 100 km/h servono meno di 8 secondi e la velocità massima può superare il limite dei 200 km/h.

Con il kit Essesse questa cifra sale sino a 160 CV, e sulla versione Assetto Corse sino a 200 CV. La differenza delle preparazioni Abarth sui modelli Fiat è considerevole. La Fiat 500 che, ad oggi, può accelerare più velocemente è la 1.4 16V da 100 CV: 10,5 secondi (quasi 3 secondi in più).

Guida

L’Abarth 500 accelera agevolmente sino a circa 100 km/h; oltrepassato questo limite diviene un’impresa notevolmente più lenta aumentare la velocità, e questo spiega la ragione per la quale è preferibile per la circolazione su strade a lento scorrimento e non su autostrade. Il fatto che monti un cambio a cinque marce anziché sei (a differenza di altre Fiat 500 che montano quest’ultimo) è un altro fattore decisivo per la qualità acustica (riguardo motore e aerodinamica).

Gallery: Prova Abarth 500Secondo Abarth la differenza tra circolare con o senza la modalità Sport attivata è di circa il 15% (da 180 passa a 206 Nm). Al volante, questa diversità si percepisce maggiormente, poiché il motore può salire di giri più rapidamente e la spinta è più brusca. Il modo migliore per rendersene conto è attivarla e disattivarla in piena accelerazione. Premendo questo tasto lo sterzo diventa più rigido, la coppia motrice aumenta e il controllo della stabilità consente un certo slittamento delle ruote prima di entrare in funzione. Nella modalità normale, l’ESP non disattivabile tende ad entrare in gioco troppo presto.

Disattivabile è il TTC, un sistema di ripartizione della trazione che funziona come differenziale ed è in grado di erogare maggiore coppia alla ruota esterna (quella di appoggio) ottenendo una prestazione più efficace in curva. Questo sistema è di serie, così come altri validi elementi di sicurezza e comfort, come il sistema di avvio in pendenza, sette airbag, il controllo della stabilità e l’efficace funzione Sport.

Gallery: Prova Abarth 500Un’altra caratteristica che Abarth conserva della Fiat 500 è la capacità dello sterzo di mantenere una traiettoria omogenea senza necessità di correzioni. L’auto riscontra rapidamente i cambi di direzione e la carrozzeria si adatta di conseguenza senza mettere in difficoltà il conducente. Per avere un passo tanto corto, il comportamento del telaio è eccellente.

Infine, il consumo dell’Abarth 500 è accettabile tenendo conto delle sue capacità: mantenendo un ritmo di guida sostenuto supera appena i 9 litri. In autostrada, inoltre, è semplice ridurlo fino a 6,5 litri se la velocità non è eccessiva, premesso che manca la sesta marcia di rilassamento. Al termine della nostra prova, il computer di bordo del nostro esemplare registra un consumo misto di 7,1 litri.

Dati tecnici
 
Marca e modello   Abarth 500
Motore   1.4 16v T-Jet 135 CV
Specifiche  
Lunghezza/larghezza/altezza (mm)   3657 / 1627 / 1485
Distanza tra gli assi (mm)   2300
Diametro di sterzata (m)   N.D
Peso (kg)   1035
Vano portabagagli (l)   185
Pneumatici   205/40 R17
Motore  
Cilindrata (cc)   1368
Potenza (cv)   135
Coppia massima (Nm/rpm)   206 / 3000
Trazione   Anteriore
Cambio   Manuale, 5 velocità
Consumo  
Carburante   Benzina
Urbano/Extra Urbano/Combinato (l/100km)   8,5 / 5,4 / 6,5
Emissioni di CO2 (gr/km)   155
Consumo durante il test (l/100km)   7,1
Caratteristiche  
Accelerazione 0-100 km/h (s)   7
Recupero 80-100 km/h (s) in 4ª  
Capacità del serbatoio (l)   35
Velocità massima   205
Prezzo  
Euro   18.500
Equipaggiamento extra   Climatizzatore + Sedili in pelle + Kit estetico Abarth + Tetto panoramico fisso + Sedili posteriori ripiegabili
 
Più dati
Meno dati
 

Interni

Gallery: Prova Abarth 500L’Abarth 500 è decisamente un’auto costosa, ma bisogna ammettere che la qualità dell’abitacolo è ottima anche pei i più esigenti: interni ben rifiniti e tanti dettagli che la rendono unica. Per esempio, il quadro delle informazioni GSI dispone di un indicatore di cambio marcia ed è circondato dall’indicatore della pressione del turbo.

Il sedile del guidatore, sebbene sia ergonomico e di grande qualità, non è pensato per persone corpulente. Inoltre, risulta troppo alto rispetto ai pedali.

Gallery: Prova Abarth 500Per quanto riguardo il bagagliaio, è valida la stessa opinione che abbiamo espresso quando abbiamo provato la 500 1.4 100 CV: lo spazio è sufficiente per un uso abituale da parte di due persone. Sotto il portellone c’è un volume di 185 litri nel quale entrano due valigie da viaggio piuttosto grandi. Lo stretto piano che fa da copertura si può ritirare comodamente, poiché il vano di carico ha un’altezza notevolmente inferiore. La possibilità di montare sedili abbattibili posteriori, al fine di guadagnare in profondità di carico, è elencata tra gli extra.

Sintesi

L’Abarth 500 possiede un ottimo telaio, un motore eccezionale e rifiniture più che accettabili, tuttavia, sorprende che elementi talmente basilari come il climatizzatore restino esclusi dall’equipaggiamento di serie. Se a questo sommiamo le personalizzazioni Abarth, il kit estetico, i cerchi, un tetto panoramico fisso e il navigatore Blue & Me, il conto sale notevolmente. In cambio avremo un’autentica sportiva di piccole dimensioni, ma pur sempre una delle migliori rappresentazioni italiane.

Gallery: Prova Abarth 500

 

Facebook

A più di 83.000 persone piace AutoScout24.it. Diventa fan anche tu di AutoScout24 su Facebook!

Auto usate

Marca
Modello

MondoAuto

MondoServizi

Sondaggio della settimana

Sicurezza online

Proteggetevi dal furto di dati (phishing), da frodi tramite assegno e offerte poco serie. Navigate in sicurezza grazie ai nostri consigli.