Stampa questo articolo Invia suggerimento   Twitter
 
Stampa questo articolo Invia suggerimento   Twitter
Gallery: Primo contatto Opel Insignia Ecoflex

Primo contatto: Opel Insignia Ecoflex

Opel Insignia Ecoflex

16.06.2009

A chi desidera ottenere una maggiore efficienza combinata con un livello da business class o godersi la marcia a bordo della sua auto e nello stesso tempo risparmiare carburante, si consiglia di acquistare un’Opel Insignia Ecoflex. Nonostante la potenza di 160 CV, la nuova variante diesel è in grado di percorrere 100 km con 5 litri di carburante. Durante il nostro primo giro di prova, il consumo di gasolio è risultato nettamente inferiore a tale valore.

Con “Ecoflex” Opel propone dal 2008 un marchio emblema di efficienza che, pur essendo ancora giovane, eleva la casa di Rüsselheim su un piano analogo a VW Bluemotion, Mercedes Blue-Efficiency o BMW Efficient-Dynamics. Tutti questi “pacchetti risparmio” di alto livello differiscono fra loro per le tecniche utilizzate e l’estensione di applicazione. Attualmente vanno di moda, ad esempio, il recupero dell’energia frenante, il dispositivo di avviamento e arresto automatico o la tecnologia ibrida. Nel caso dell’Insignia Ecoflex però, Opel rinuncia a misure così costose, consentendo comunque un risparmio sui consumi di tutto rispetto.

L’elemento chiave principale responsabile dell’aumento dell’efficienza è costituito da un’aerodinamicità migliorata. Il coefficiente di aerodinamicità dell’Insignia, per altro già ridotto, è stato ulteriormente abbassato da 0.28 a 0.26. Questo grazie in particolare ai seguenti cinque elementi: mascherina a griglia del radiatore chiusa, spoiler anteriore modificato, abbassamento del telaio, copertura del serbatoio del carburante sul lato inferiore dell’auto e pneumatici Michelin 225/55 R17 con nuova dicitura resistenti al rotolamento.

Diesel moderno

Gallery: Primo contatto Opel Insignia EcoflexNonostante queste modifiche, le linee estetiche dell’Insignia normale e dell’Ecoflex non differiscono di molto. Anche in versione ecologica, l’ammiraglia di Opel ha un impatto molto accattivante. Soltanto l’emblema Ecoflex dallo stile tipografico troppo diverso rovina un po’ la coda, che di per sé sarebbe molto graziosa.

Il secondo elemento fondamentale responsabile della riduzione del consumo di carburante è costituito dalle modifiche apportate al motore. A bordo dell’Ecoflex è montato il già noto 2.0 CDTI in versione da 160 CV, che è dotato di turbocompressore di sovralimentazione Garret, tecnologia Diesel Common Rail più moderna in assoluto e iniezione piezo con pressione di sovralimentazione di 1.600 bar. Questo moderno quattro cilindri, il cui rumore simile a un brontolio svela chiaramente che si tratta di un diesel, presenta una buona reazione ai comandi già a basso regime e una ripresa fulminea grazie alla sua coppia di 380 Newtonmetri.

Rapporti lunghi

Gallery: Primo contatto Opel Insignia EcoflexOltre al comando del motore leggermente modificato, ad aumentare il risparmio contribuisce anche il cambio sincronizzato in modo molto particolare. In effetti il motore è accoppiato con un cambio a 6 marce dai rapporti corti nelle prime due marce e relativamente lunghi nelle marce più alte. A cosa serve però una sincronizzazione del cambio ottimale, se il conducente non aumenta la marcia al momento giusto? Chi ha difficoltà a trovare il momento ideale per cambiare rapporto, può seguire i suggerimenti forniti sul display multifunzione dall’assistente di cambio marcia di serie.

Chi segue questi suggerimenti e in più riesce a controllare il piede sull’acceleratore, dovrebbe riuscire a rispettare senza problemi il consumo di 5,2 litri dichiarato da Opel. Con questo valore l’Ecoflex risparmia oltre il 10% rispetto al 2.0 CDTI normale e, per di più, la nostra prova pratica ha dimostrato che è possibile consumare addirittura molto meno di 5 litri.

4,5

Gallery: Primo contatto Opel Insignia EcoflexDuarte il viaggio (circa 90 km), il computer di bordo della nostra auto di prova indicava 4,5 litri. Questo valore l’abbiamo raggiunto accelerando ad hoc e non oltre i 110 km/h e rinunciando ad accendere il  climatizzatore. Chi poi ha uno stile di guida ancora più pacato ed in più riesce a sfruttare anche vento in poppa e scia, potrebbe addirittura riuscire a consumare soltanto 4 litri, dopodichè non è più possibile scendere ulteriormente.

Viceversa, il consumo può facilmente lievitare verso l’alto. Chi non riesce a controllarsi potrebbe bruciare 7 - 8 litri di carburante. Grazie alla sua potenza generosa, questo motore è comunque in grado di soddisfare requisiti di dinamicità anche molto ambiziosi. L’Ecoflex dal peso di 1,6 tonnellate è potenzialmente in grado di realizzare lo sprint da 0 a 100 km/h in meno di 10 secondi, e di raggiungere una velocità massima di oltre 220 km/h. Bisogna comunque ammettere che sopra i 180 km/h la velocità aumenta in modo meno fluido a causa dei rapporti lunghi, tuttavia in autostrada si riesce con un po’ di pazienza a far salire l’ago del tachimetro addirittura fino a quota 230 km/h.

Lunghe percorrenze

Gallery: Primo contatto Opel Insignia EcoflexPersino alle velocità massime l’Insignia non appare eccessivamente tirata né troppo rumorosa e scorre benissimo sulla carreggiata. Inoltre, grazie al serbatoio della capacità di 70 litri, può avere un’autonomia di 1.400 km.

Per le lunghe percorrenze l’Insignia Ecoflex è molto adatta anche in virtù dell’equipaggiamento di cui è dotata, che nella versione di base quattro porte dal prezzo di 27.400 €  comprende radio con lettore CD, climatizzatore, bracciolo centrale e alzacristalli elettrici. Tra gli optional più interessanti si possono citare il telaio adattativo Flexride con le sue tre diverse modalità di marcia, il dispositivo Tempomat, il sedile di guida Premium e i fari auto-adattativi AFL. Con questi optional il prezzo sale però a oltre 28.900 €.

Costosa ma ricca

Gallery: Primo contatto Opel Insignia EcoflexL’Inisignia Ecoflex costituisce comunque un’offerta interessante. Il supplemento di prezzo rispetto all’Insignia diesel in versione normale da 160 CV è di 400 €.

In confronto alle auto concorrenti VW Passat Bluemotion e Ford Mondeo Econetic, il modello proposto da Opel è sicuramente più caro, ma occorre considerare che tali concorrenti hanno una potenza inferiore, ovvero 110 e 115 CV, rispettivamente. In virtù della sua potenza nettamente maggiore, l’acquisto dell’Insignia Ecoflex si consiglia soprattutto a chi, nonostante l’ambizione di voler risparmiare carburante, desidera avere un motore molto potente.

Dati tecnici
 
Marca e modello   Opel Insignia 2.0 CDTI
Equipaggiamento   Ecoflex, 4 porte
Specifiche  
Lunghezza/ larghezza /altezza (mm)   4.830 / 1.856 / 1.498
Interasse (mm)   2.737
Diametro di sterzata (m)   11,4
Peso (kg)   1.613
Vano portabagagli (l)   500
Pneumatici   225/45 R 17
Motore  
Cilindrata (cc) / cilindri   1.956 / 4 in fila
Potenza (CV)   160
Coppia (Nm) / giri   380 / 1.750 - 2.500
Trazione   Anteriore
Cambio   cambio manuale a 6 marce
Consumo  
Carburante   Diesel
Combinazione di fabbrica (l/100km)   5,2
Emissioni di CO2 (g/km)   136
Consumo AS24 (l/100km)     k.A.
Caratteristiche  
Accelerazione 0-100 km/h (s)   9,5
Sprint AS24 0-100km/h (s)   n.i.
Prova di frenata AS24 100-0km/h (m)   n.i.
Velocità massima (km/h)   221
Prezzi  
min. (Euro)   27.400 €
Extra consigliati   Sedile di guida Premium e dispositivo Tempomat
 
Più dati
Meno dati
 

In conclusione

E’ doveroso ammettere che Opel non ha adottato soluzioni hightech per ridurre il consumo dell’Insignia Ecoflex, tuttavia un risparmio di 0,6 litri di carburante rispetto alla 2.0 CDTI in versione normale da 160 CV può essere considerato un risultato di tutto rispetto. L’Ecoflex presenta una potenza di 160 CV, per cui l’Insignia in versione risparmio può essere considerata una berlina da viaggio di alto livello, proprio come il suo pendant. Inoltre l’Ecoflex comporta un vantaggio non solo all’ambiente, ma anche al portafoglio del suo proprietario.

Gallery: Primo contatto Opel Insignia Ecoflex

 

Facebook

A più di 83.000 persone piace AutoScout24.it. Diventa fan anche tu di AutoScout24 su Facebook!

Auto usate

Marca
Modello

MondoAuto

MondoServizi

Sondaggio della settimana

Sicurezza online

Proteggetevi dal furto di dati (phishing), da frodi tramite assegno e offerte poco serie. Navigate in sicurezza grazie ai nostri consigli.