senza immagines
AutoScout24
AutoScout24 Magazine

15.03.2017

ww2.autoscout24.it?article=543150

Anteprima: Mazda3

Progettazione umano centrica

La Mazda3 si è affermata fra i clienti europei alla ricerca di una vettura media grazie al design aggressivo, alle doti di dinamicità, ad un propulsore rivoluzionario dai bassi consumi, ma anche ad una rivoluzionaria filosofia progettuale presa in prestito dal settore aeronautico, dove i tecnici pongono la figura del pilota e dell’interfaccia tra uomo e macchina al centro del progetto della cabina di pilotaggio.

Allo stesso modo, durante gli spostamenti in auto di tutti i giorni, Mazda applica questa filosofia agli aspetti relativi all’ergonomia del posto guida e alle soluzioni tecnologiche applicate al sistema infotainment della vettura.

Progettazione umano centrica

Per Mazda guidatori e passeggeri hanno la massima priorità: lo studio sistematico e completo di tutto ciò che consente agli occupanti la miglior fruizione dell’esperienza di viaggio a bordo del veicolo sia in termini di piacere di guida che di sicurezza è il mantra della Casa di Hiroshima e lo chiamano “filosofia di progettazione umano centrica”.

I progettisti hanno pensato che fosse necessario concepire il posto di guida come il cockpit di un velivolo ad alte prestazioni. L’obiettivo? Fare in modo che il conducente possa recepire in modo sicuro tutte le informazioni utili alla guida e sia in grado di utilizzare appieno le informazioni generate da sistemi di bordo sempre più avanzati, distogliendo il meno possibile lo sguardo dalla strada e mantenendo al tempo stesso la consapevolezza di quello che accade davanti alla vettura durante la guida.

Un’esigenza ben nota a piloti e ingegneri aeronautici chiamata in gergo aviatorio “situation awareness” (consapevolezza della situazione), per rispondere alla quale, in campo automotive, Mazda ha sviluppato l’Active Driving Display.

Si tratta di un vero e proprio Head Up Display, simile a quello presente sui jet, sul quale vengono proiettate sul parabrezza davanti agli occhi del pilota le informazioni principali relative alla guida, quali velocità, indicazioni del navigatore o le segnalazioni d’avvertimento dei molteplici sistemi di sicurezza attiva.

Secondo il criterio dell’ergonomia, inoltre, è stata ridisegnata l’intera plancia, seguendo così un’attenta disposizione dei comandi e anche la collocazione del display touchscreen da 7” del sistema MZD Connect, è stato studiato per ridurre al minimo la possibilità di distogliere lo sguardo dalla strada.

Insomma: la sicurezza prima di tutto.