Riscaldamento a veicolo fermo

Riscaldamento a veicolo fermo

Non è meraviglioso, nei primi giorni d’inverno con gelo e neve, trovare la propria auto calda e senza ghiaccio? Con il riscaldamento a veicolo fermo questo desiderio non è più un sogno. Non solo la comodità aumenta con un riscaldamento a veicolo fermo, ma anche i vantaggi nel settore della sicurezza e un minore inquinamento parlano a favore del riscaldamento a veicolo fermo. Sono disponibili da un prezzo di circa 1000 euro e sono solitamente equipaggiati con un timer. Per averne uno con il telecomando, bisogna spendere qualche euro in più. L’installazione di un riscaldamento a veicolo fermo dovrebbe essere eseguita da un’officina autorizzata. In particolare per i conducenti di Diesel, il riscaldamento a veicolo fermo è interessante, in quanto con il riscaldatore aggiuntivo integrato è già presente un pezzo importante del riscaldamento a veicolo fermo. I componenti mancanti possono essere aggiunti successivamente in modo abbastanza economico. Il riscaldamento a veicolo fermo può essere suddiviso in due categorie: riscaldatore ad aria e ad acqua.

Il riscaldamento ad aria si utilizza soprattutto per il riscaldamento interno del veicolo, il riscaldamento ad acqua invece, non è adatto per l’uso interno, ma riscalda il motore prima dell’inizio della guida ad una buona temperatura di funzionamento. Una volta che l’acqua di raffreddamento raggiunge i 30 gradi, si accende automaticamente il riscaldamento e lo sbrinamento rapido sul parabrezza ghiacciato. All’interno si creerà inoltre un piacevole calore. Il riscaldamento del veicolo che si può accendere dopo la partenza, in questo caso ha già raggiunto la temperatura di funzionamento. Grazie al riscaldamento del motore, il veicolo si accende più facilmente e la batteria, che in inverno deve già superare grandi carichi, viene caricata di meno.

Tramite il raggiungimento più veloce di un’elevata temperatura dei gas di scarico, la quantità che ne viene espulsa è decisamente minore. Se durante piccole pause, come per esempio ad un semaforo rosso, il motore viene spento, la temperatura all’interno del veicolo rimane piacevolmente calda. Il calore residuo proveniente dal motore viene trasmesso nuovamente al riscaldamento del veicolo tramite pompe d’acqua elettriche. Se il funzionamento del riscaldamento a veicolo fermo è collegato con un timer, il riscaldatore parte, secondo la temperatura esterna, circa 30 minuti prima dell’orario di partenza impostato. Tramite il timer può anche essere impostato un orario di partenza fisso del riscaldamento a veicolo fermo. Le riparazioni, come nel caso dell’installazione, devono essere eseguita da un’officina autorizzata.

 

Termini

0-9
A
B
C
D
E
F
G
H-J
K
L
M
N
O-Q
R
S
T
U-V
W-X
Y-Z
 
Auto usate
Marca
Modello